Museo delle Civiltà

  • Studio dei reperti

    Studio dei reperti ossei faunistici provenienti da scavi archeologici

     

    L'attività del laboratorio è volta allo studio dei reperti ossei faunistici provenienti da scavi archeologici, all'interpretazione culturale degli stessi, nella ricerca di tutte le informazioni ricavabili sul complessivo rapporto uomo-animale (economico, alimentare, rituale, ecc.).

     

    Partecipa attivamente alle attività di ricerca dei seguenti giacimenti:

     

     

    Oltre a questi giacimenti, ha in corso lo studio di numerose collezioni osteologiche affidategli da vari istituti italiani ed esteri, tra le quali:

     

  • Convegni e Congressi

    Convegni (organizzazione)

     

    Coordinamento e organizzazione nell'ambito del XIII Congresso dell'Unione Internazionale delle Scienze Preistoriche e Protostoriche, (Forlì, Italia, 8-14 settembre 1996), del workshop: "Il cavallo: la sua domesticazione, la sua diffusione e il ruolo nelle comunità del passato" nella Sezione 3 (paleoecologia), sottosezione 3.3 (Archeozoologia).

    Organizzazione del 2° Convegno Nazionale di Archeozoologia, Asti 14-16 novembre 1997.

     

    Congressi nazionali ed internazionali

  • Restauro e Catalogazione

    Progetto di ricerca Definizione delle metodologie di intervento per il restauro e la conservazione dei reperti ossei provenienti da ambienti umidi, i cui risultati preliminari sono stati presentati al 2° Convegno di Archeozoologia Italiana (Asti, Novembre 1997).

     

    Il laboratorio ha elaborato una serie di schede che permettono la catagalogazione dei reperti ossei faunistici nei loro diversi aspetti, paleontologico, archeozoologico, tafonomico, osteometrico.

  • Attività di ricerca

    Il Laboratorio è impegnato nelle seguenti attività di ricerca:

     

  • Didattica e Mostre

    Didattica

     

    Università di Genova, Facoltà di Lettere e Filosofia, corso di Laurea in Archeologia e corso integrativo di Bioarcheologia per un ciclo di lezioni sull'Archeozoologia.

    Università di Ferrara, Dip. di Sc. Geol. e Paleont., cattedre di Antropologia, Paleontologia Umana e Paletnologia ed Ecologia preistorica, per un seminario sull'Archeozoologia.

    Università degli Studi di Firenze, Istituto di Antropologia, per una conferenza su "Modalità ed effetti della domesticazione animale nell'indagine archeozoologica" nell'ambito del ciclo di seminari "La domesticazione degli animali e delle piante: aspetti biogeografici ed economici".

    Università "La Sapienza" di Roma, Dip. Sc. St. Arch. Antrop. Antichità - Sez. di Paletnologia, Cattedra di Ecologia Preistorica per la correlazione a due tesi di laurea di indirizzo archeozoologico.

    Università "La Sapienza" di Roma, Dip. di Scienze della Terra, per la correlazione ad una tesi di laurea di indirizzo paleontologico-archeozoologico.

    Università "Federico II" di Napoli, Dipartimento di Discipline Storiche, cattedra di Paletnologia per la parte relativa all'archeozoologia e alla tafonomia di due tesi di laurea.

     

    Mostre ed esposizioni museali

  • Pubblicazioni

  • Collezione osteologica

    Il laboratorio dispone di un'ampia collezione di confronto composta da reperti scheletrici attuali e fossili per un totale di 9.775 elementi ossei riferibili a diverse specie di mammiferi, uccelli e pesci.

Laboratorio di Archeozoologia

 

A cura di Antonio Tagliacozzo e Ivana Fiore

Personale scientifico: Francesca Alhaique

 

Il patrimonio paleontologico

 

Nel museo è presente una ricca collezione di confronto che costituisce un nucleo di materiali di notevole valore scientifico composta da reperti scheletrici moderni e fossili di circa 11.000 elementi ossei riferibili a diverse specie di mammiferi, uccelli e pesci.

Il Laboratorio di Paleontologia e Archeozoologia

 

L'attività del Laboratorio è rivolta principalmente allo studio dei reperti ossei faunistici provenienti da scavi archeologici. Il personale del Laboratorio si occupa del restauro, documentazione, catalogazione, conservazione ed esposizione delle collezioni osteologiche del Museo.

 

Svolge una intensa attività di promozione culturale e di scambio scientifico attraverso l'organizzazione di Convegni ed elabora progetti di studio scientifico i cui risultati sono presentati a Congressi nazionali ed internazionali e pubblicati su riviste specializzate anche internazionali.

 

L'attività di ricerca viene condotta nei seguenti settori:

 

L'attività interessa sia reperti e collezioni del Museo "L. Pigorini" sia materiali in affidamento da parte di Soprintendenze e di altre Istituzioni (Università, Istituti di Ricerca, anche esteri). Svolge attività di consulenza tecnico-scientifica per il recupero di materiale osseo; per la realizzazione di matrici e calchi; per la compilazione di schede di catalogazione.

 

Si sottolinea, inoltre, la costituzione di una importante collezione osteologica di confronto, costituita sia da scheletri di animali attuali sia da reperti fossili che costituisce un nucleo di materiale di notevole valore scientifico.

 

Ministero per i Beni e le attività Culturali. Vai al sito

Piazza Guglielmo Marconi, 14 - 00144 Roma E.U.R. - +39 06 549521 - fax +39 06 54952310 - mail