Museo delle Civiltà

Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini"

English

Programma Attività Educative

  • Homo. La storia naturale

    Homo. La storia naturale

     

    Perché studiare l’evoluzione umana? Conoscere la storia naturale dell’Uomo è un momento irrinunciabile e propedeutico a qualsiasi altro studio sull’umano. Le nostre radici biologiche possono dirci moltissimo anche su aspetti apparentemente distanti (psicologici, linguistici comportamentali, sociali).

     

    La teoria dell’evoluzione rappresenta oggi uno dei cardini del pensiero scientifico moderno, fornisce uno strumento di interpretazione dei fenomeni della vita sulla terra, favorisce una diretta esperienza di “scienza aperta” a nuovi dati, a nuovi modelli, a nuove interpretazioni. Studiare l’evoluzione induce a un pensiero sistemico, relazionale, causale, critico; comporta una nuova visione del mondo e del “posto” che la nostra specie vi “occupa”; promuove cambiamenti radicali negli atteggiamenti, nelle scelte, nelle azioni della nostra società.

  • Viaggio nella preistoria

    Viaggio nella preistoria

     

    La dimensione del viaggio nella storia e nel tempo alla ricerca delle nostre origini ha sempre colpito l’immaginazione soprattutto dei più giovani.

     

    Il Museo è il luogo privilegiato per conoscere il passato, dove approfondire, col rigore della scienza, i modelli sociali e culturali dei nostri più remoti antenati, che, durante la Preistoria e la Protostoria, hanno posto le fondamenta della nostra attuale civiltà.

  • L'Archeozoologia: l'uomo e gli animali

    L'Archeozoologia: l'uomo e gli animali

     

    L’Archeozoologia è un importante tassello nell’ambito di una ricostruzione, il più possibile completa ed esaustiva, del passato.

     

    Essa si propone, attraverso lo studio delle ossa degli animali presenti nei giacimenti archeologici, di comprendere il ruolo degli animali nell'ecosistema e nell'economia del passato, ricostruendo la dieta dei gruppi umani ed i loro sistemi di sussistenza.

  • Interculture. Educare alla diversità

    Interculture. Educare alla diversità

     

    L’educazione alla diversità trova nel Museo Pigorini e nei patrimoni culturali extraeuropei qui conservati, il luogo ideale dove poter fare esperienza e comparare le differenze culturali.

     

    A partire dagli oggetti etnografici provenienti dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe il percorso “Educare alla diversità” del museo intende offrire alle scuole l’opportunità di scoprire le somiglianze e le differenze che contraddistinguono il “fare” umano, rendendo così più vicino il lontano e più familiare lo straniero.

  • Scuola dell'infanzia

    Scuola dell'infanzia

     

    Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell’infanzia, per dare la possibilità anche ai più piccoli di intraprendere la scoperta del Museo “Luigi Pigorini”, della preistoria e delle culture del mondo con uno sguardo curioso e divertito.

     

    Ispirati al principio dell’apprendimento attivo (action learning), i laboratori, in forma di gioco, propongono ai bambini di svolgere alla maniera degli uomini preistorici una serie di attività direttamente riconducibili alla propria esperienza quotidiana e al proprio universo: vestirsi, mangiare, manipolare, dipingere, affrontare la paura dei mostri…

  • Laboratori interdisciplinari

    Cicli didatti: il museo a scuola

     

    Laboratori trasversali tra le discipline preistoriche ed etnografiche.

     

    Dal "Viaggiare sull'acqua", alla tessitura, a conoscere ciò che mangiamo, l'origine dei prodotti presenti sulla nostra tavola.

  • Cicli didatti: il museo a scuola

    Cicli didatti: il museo a scuola

     

    Il Museo si "trasferisce" presso le scuole.

     

    Incontri con le classi e gli insegnati per laboratori o preparazioni alle visite presso il Museo.

 

 

 

Servizio Educativo

Preistoria: Alessandra Serges (0654952245), Mario Amore (0654952237)

Etnografia: Donatella Saviola (0654952266)

Servizi Didattici

 

È più facile preparare un museo che saperlo adoperare. Chi inventa un esercizio non fa che seguire un impulso dell'immaginazione (…) ma chi lo deve applicare (…) deve sempre coordinare un diretto scopo didattico a finalità educative.

Rosa Agazzi

 

Prenotazione attività educative

 

La prenotazione è obbligatoria per i gruppi e le scolaresche.

 

Servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico

 

Dal 27 gennaio 2017 è attivo il servizio di assistenza culturale per il Museo delle Civiltà, affidato in concessione alla RTI ADITUM Cultura.

Il servizio, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado e al pubblico, sarà svolto nelle quattro sedi del Museo delle Civiltà, con l'orario di apertura delle sedi museali, comprese le aperture straordinarie.

 

Contatti per la prenotazione di visite guidate e laboratori: tel. 3913283400 - aditumcultura@gmail.com

 

 

Percorsi educativi al Museo

 

In linea con le più recenti proposte europee e internazionali, l'attività educativa propone una riflessione sulla straordinaria varietà delle culture umane, dando la possibilità di scegliere all'interno di una ricca proposta tematica e interdisciplinare. I diversi percorsi proposti affrontano la storia delle culture umane dalle origini ai giorni nostri e si focalizzano sia sulla successione dei momenti dell'evoluzione umana e delle epoche della preistoria  sia sulle differenze fra le culture del mondo.

 

Organizzazione e Regolamento Servizi Didattici

 

Le attività didattiche del Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini" sono affidate in esclusiva, al Concessionario del servizio. Sono autorizzate, in alternativa al concessionario, soltanto le guide in possesso del patentino provinciale.

 

Il programma di attività è scaricabile dal sito o può essere richiesto all'ingresso del Museo.

 

Per le scolaresche e i gruppi organizzati è obbligatoria la prenotazione sia per le attività didattiche sia per il semplice ingresso, onde evitare attese prolungate all'esterno del Museo e consentire al servizio di accoglienza di regolamentare il flusso dei visitatori.

 

È necessario confermare la prenotazione via fax o e-mail specificando nome della scuola e tel., classe, numero di alunni e accompagnatori, responsabile, l'orario della prenotazione e tipo di visita.

 

Le prenotazioni vengono registrate dalla segreteria didattica specificando: tipo di visita; istituto scolastico o gruppo organizzato; nominativo dell'operatore didattico o della guida; numero alunni o visitatori in gruppo (comprensivo degli accompagnatori); responsabile; numero di telefono.

 

La segreteria didattica è tenuta a comunicare giornalmente al personale del museo in servizio al centralino e ai passi l'elenco delle prenotazioni con l'indicazione del n° dei visitatori.

 

L'orario della prenotazione va inteso come l'orario d'inizio della visita, pertanto le scuole sono invitate ad anticipare i tempi necessari ad assolvere le regolari procedure d'ingresso in museo.

 

Eventuali disdette vanno comunicate con almeno cinque giorni di anticipo per dare la possibilità ad altre scuole di usufruire della visita annullata.

 

Si consiglia di programmare le visite tenendo conto che i mesi di marzo, aprile e maggio sono quelli di maggiore affluenza.

Il museo è dotato di un percorso didattico per ipovedenti e non vedenti. Il kit con la guida in braille e l'audioguida possono essere richiesti al personale in sevizio, che consegnerà all'accompagnatore anche la chiave necessaria per aprire le teche contenenti gli oggetti da toccare.

 

Durante la visita del Museo gli insegnanti sono tenuti alla sorveglianza continua degli alunni, i quali dovranno tenere un contegno corretto e disciplinato.

 

Zainetti e ombrelli vanno depositati nel guardaroba.

 

Oltre ai divieti sanciti da leggi e regolamenti sulla manomissione e sul danneggiamento dei reperti museali, si ricorda in particolare che nelle sale del Museo è proibito:

 

Ministero per i Beni e le attività Culturali. Vai al sito

Piazza Guglielmo Marconi, 14 - 00144 Roma E.U.R. - +39 06 549521 - fax +39 06 54952310 - mail